La Svizzera necessita di maggiore tutela del paesaggio e di più energia rinnovabile

17.2.2021

Immagine simbolo: palo dell’elettricità

L’attuale incremento dell’attività edilizia al di fuori delle zone edificabili non è nell’interesse della Svizzera. Il suolo va usato in modo parsimonioso: va destinato a scopi agricoli, a tutela dell’ambiente e gli impianti per l’impiego di energie rinnovabili devono poter essere posizionati in modo ottimale. Altrimenti la Svizzera si preclude il futuro.

Il paesaggio al di fuori delle zone edificabili ha diverse funzioni: da un lato viene utilizzato come terreno fertile dall’agricoltura, cosa necessaria per la sicurezza alimentare della Svizzera. Dall’altro, queste aree sono essenziali per la biodiversità e offrono importanti spazi per attività ricreative. Il paesaggio è anche un bene culturale, una parte dell’identità svizzera. L’iniziativa paesaggio vuole porre un freno all’espansione edilizia al di fuori dei comprensori edificabili e alla cementificazione del paesaggio. L’iniziativa assicura i terreni fertili all’agricoltura e preserva i paesaggi svizzeri, per noi e per le generazioni future.

Energie rinnovabili al di fuori delle zone edificabili

Anche la produzione energetica riguarda le generazioni future. Il cambiamento climatico e la crisi della biodiversità sono grandi sfide per l’umanità. La produzione energetica a impatto climatico zero è pertanto una grande preoccupazione dell’associazione promotrice dell’iniziativa paesaggio. Si è assicurato che l’iniziativa non ostacola la costruzione di impianti per l’impiego di energie rinnovabili.

Questo è stato confermato anche da un rapporto di Brandes Energie AG commissionato dalla stessa associazione promotrice: gli impianti energetici sono vincolati all’ubicazione e dunque ammessi fuori delle zone edificabili anche in caso d’accettazione dell’iniziativa. L’iniziativa paesaggio non prevede nessun requisito supplementare per quanto concerne l’ubicazione vincolata mentre la limitazione perseguita dall’iniziativa e l’obbligo di compensazione non riguardano gli impianti energetici in virtù del loro carattere d’impianto.

Maggiori informazioni:

Copy link