Il paesaggio in pericolo!
Stop alla cementificazione delle nostre terre

Perché bisogna agire ora

%

delle superfici costruite si trova fuori della zona edificabile

%

dei corridoi faunistici è interrotto dalle vie di comunicazione

edifici si trovano in zone non edificabili

ettari fuori zona edificabile sono stati usati per l’insediamento negli ultimi 24 anni

Il paesaggio, una risorsa per l’anima

Il paesaggio, una risorsa per l’anima   “La costruzione di nuovi edifici nella zona agricola, dunque fuori dalla zona edilizia, è un problema che disturba e rovina il paesaggio”. Silva Semadeni, già consigliera nazionale e oggi presidente di Pro natura Grigioni,...

Miglioramenti decisivi a favore della tutela del paesaggio

Decisioni della Commissione del Consiglio degli Stati circa la seconda fase della revisione della Legge sulla pianificazione del territorio (LPT2)Mercoledì la Commissione dell’ambiente del Consiglio degli Stati (CAPTE-S) ha adottato il disegno di modifica della legge...

La popolazione deve essere implicata

Anne DuPasquier è esperta di sviluppo sostenibile e s’impegnata per la protezione del paesaggio. L'abbiamo incontrata per capire l'evoluzione dei paesaggi svizzeri e cosa caratterizzi un paesaggio sostenibile. Anne DuPasquierè esperta di sviluppo sostenibile, membre...

Terza assemblea ordinaria delle persone delegate dell’associazione promotrice

Il 22 marzo 2022 si è tenuta la terza assemblea ordinaria dei delegati dell’associazione promotrice «Sì alla natura, al paesaggio e alla cultura della costruzione».

La protezione del paesaggio, una questione di orientamento politico? Intervista a Kurt Fluri, consigliere nazionale PLR

La protezione del paesaggio e della natura sono obiettivi liberali perché sostenibili. Lo afferma Kurt Fluri, membro del comitato dell’Iniziativa paesaggio, consigliere nazionale PLR.

Il controprogetto all’Iniziativa paesaggio manca di garanzie di attuazione e di strumenti adeguati

Il controprogetto all’Iniziativa paesaggio sarà presto al centro del dibattito parlamentare. A mente delle associazioni per la protezione della natura, del paesaggio e del patrimonio, il disegno di legge è senza ambizioni.

La risposta alla domanda “Cosa e come si costruisce?” è decisiva per la qualità di vita. Intervista con Michael Töngi.

Il consigliere nazionale e presidente della commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale, Michael Töngi, analizza lo sviluppo del paesaggio svizzero.

Un controprogetto senza ambizioni

Per l’associazione promotrice dell’Iniziativa paesaggio, il controprogetto indiretto in consultazione fino al 13 settembre è insufficiente e le misure proposte non permettono di porre fine alla cementificazione del paesaggio e l’impermeabilizzazione dei suoli.

Un’iniziativa per proteggere la natura selvatica

La natura selvaggia, il paesaggio culturale e il patrimonio architettonico sono sempre più esposti al degrado in seguito alle attività umane e alla sfrenata cementificazione.

Tocca ora al Parlamento proporre un controprogetto efficace

L’associazione promotrice dell’iniziativa paesaggio si ralleggra che il Consiglio federale, nel suo messaggio pubblicato oggi, confermi ancora una volta il suo sostegno agli obiettivi dell’iniziativa.

L’Iniziativa paesaggio è una reazione alle costanti modifiche legislative in materia di protezione della natura e del paesaggio.

Per frenare il boom edilizio al di fuori delle zone edificabili, l’associazione di sostegno “Sì alla natura, al paesaggio e alla cultura della costruzione” ha lanciato l’Iniziativa paesaggio nel marzo 2019. L’associazione è composta da Pro Natura, BirdLife Svizzera, la Società Patrimonio Svizzero e la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio, casafair e l’ATA Associazione traffico e ambiente.

Allo stesso tempo, l’associazione ha anche lanciato l’Iniziativa biodiversità.

Dove la cementificazione del paesaggio procede inesorabilmente

In Svizzera quasi il 40% delle aree edificate si trovano la dove non dovrebbe essere, cioè fuori dalla zona edificabile. La tendenza è in aumento. Le eccezioni che permettono di costruire fuori dalle zone edificabili sono praticamente diventate la regola.
Le due immagini mostrano l’evoluzione del paesaggio. Muovi il cursore per paragonare il paesaggio di ieri a quello di oggi!

Citazioni

«Il Consiglio federale ha
deciso che entro il 2050 non verrà più cementificato un
solo metro quadrato di territorio supplementare. L’Iniziativa paesaggio è però  indispensabile per arginare realmente l’espansione urbana»

Silva Semadeni

Ex consigliera nazionale, membro del comitato d'Iniziativa paesaggio

«Sostengo questa iniziativa perché costituisce una giusta e concreta misura nella direzione postulata della Dichiarazione di Davos, il cui punto 2 recita: «Sono indispensabili politiche che insistano sulla necessità di elaborare approcci di sviluppo sostenibili fondati sulla cultura dappertutto e a tutti i livelli territoriali. Il valore e il carattere insostituibile dei paesaggi e del patrimonio culturale europei devono essere sottolineati mettendo l’accento non soltanto sulle città e gli spazi urbani, ma anche sugli spazi periferici e rurali e sulle interconnessioni tra questi e quelli.»

Benedetto Antonini

Architetto e urbanista, membro del comitato di Patrimonio svizzero, membro del comitato d’iniziativa

«Durante la pandemia abbiamo riscoperto l’importanza della natura e del rispetto che dobbiamo portarle. Così come l’Iniziativa delle Alpi anche l’Iniziativa paesaggio ha quali obiettivi la salvaguardia del nostro paesaggio, della nostra salute e quella della flora e della fauna svizzere. La costante cementificazione e l’inquinamento della Svizzera non possono continuare!»

Marina Carobbio Guscetti

Consigliera agli Stati e vicepresidente dell’iniziativa delle alpi

Sostenere l'iniziativa

Sostieni l’Iniziativa paesaggio mediante un dono!

Abbonarsi alla Newsletter

Informazioni sempre attuali con la Newsletter dell’Iniziativa paesaggio.

Condividi i contenuti

Fai conoscere l’Iniziativa paesaggio sui social.

           

Copy link