FAQ

Voi chiedete – noi rispondiamo

 

Qual è il legame tra l'Iniziativa paesaggio e la tutela della biodiversità?

Al di fuori delle zone edificabili, sempre più nuove infrastrutture, per esempio nuove strade, o nuovi edifici residenziali, capannoni industriali o capannoni per l’agricoltura intensiva occupano i nostri paesaggi. Queste costruzioni portano direttamente alla perdita di habitat per la flora e la fauna. Indirettamente, influiscono sugli habitat naturali a causa della frammentazione del paesaggio, dell’uso più intensivo del suolo, dell’inquinamento luminoso e di altri disturbi. L’iniziativa paesaggio richiede che il numero di edifici al di fuori della zona edificabile e la superficie da essi occupata non aumentino. In questo modo, si proteggono le aree naturali e anche i migliori terreni agricoli. Chi salva il paesaggio salva la biodiversità!

Se gli edifici esistenti devono essere demoliti per raggiungere l'obiettivo del tetto massimo, chi sostiene i costi della demolizione? Quanto mi costerà?

Per raggiungere l’obiettivo del tetto massimo, gli edifici agricoli – stalle, fienili, ecc. – che non sono più necessari devono scomparire. I Cantoni sono responsabili della regolamentazione di questo aspetto. Tuttavia, l’iniziativa non dice nulla su chi sostiene i costi di demolizione. Una possibilità sarebbe quella di finanziare i costi di demolizione con la tassa sulla plusvalenza per la nuova zonizzazione. La tassa sulla plusvalenza è una tassa specifica che deve essere pagata dai proprietari terrieri se i loro terreni aumentano di valore a causa di una riorganizzazione. Questo non comporta alcun costo aggiuntivo per la collettività.

È davvero necessario avere un articolo costituzionale così dettagliato per la protezione del paesaggio?

La questione ha più a che fare con il sistema politico e legislativo svizzero. Le iniziative popolari, in sostanza, devono proporre articoli costituzionali