Il paesaggio in pericolo

L’iniziativa

L’iniziativa paesaggio mette fine alla crescente cementificazione dei terreni coltivi e pone chiari limiti al boom edilizio al di fuori delle zone edificabili.

Fuori dalle città, dai paesi e dagli agglomerati urbani devono assolutamente esserci spazi liberi e aperti: campi, aree naturali, boschi. «Comprensori non edificabili» li chiama la legge. Eppure proprio qui è in corso un vero e proprio boom edilizio: nuove costruzioni di grandi dimensioni, edificate ad esempio per scopi turistici o agroindustriali, rovinano il paesaggio. Accanto ad esse, vecchi edifici vengono sottratti al loro scopo e riattati; granai, fienili e stalle sono trasformati in case di vacanza. Tutto questo rende inoltre necessarie nuove infrastrutture. L’attività edilizia all’esterno delle zone edificabili frammenta e distrugge in crescente misura i paesaggi. Animali e piante perdono la propria base esistenziale – e la gente trova sempre meno spazi ricreativi. È ora che tutto questo cambi!

Per paesaggi aperti

L’iniziativa popolare contro la cementificazione del nostro paesaggio (Iniziativa paesaggio):

  • pone freno al boom edilizio nei comprensori non edificabili,
  • stabilisce chiare regole per l’attività edilizia al di fuori delle zone edificabili,
  • salvaguarda gli spazi naturali per piante e animali e i terreni coltivi necessari per la produzione alimentare del nostro paese.
Consegna firme per la doppia iniziativa

Consegna firme per la doppia iniziativa

Communicato stampa: Le organizzazioni dell’ambiente hanno consegnato più di 213’000 firme convalidate per l’iniziativa biodiversità e l’iniziativa paesaggio.

Chi siamo

L’iniziativa paesaggio è una reazione alle costanti modifiche legislative in materia di protezione della natura e del paesaggio.


Per frenare il boom edilizio al di fuori delle zone edificabili, l’associazione di sostegno “Sì alla natura, al paesaggio e alla cultura della costruzione” ha lanciato l’iniziativa paesaggio nel marzo 2019. L’associazione è composta da Pro Natura, BirdLife Svizzera, la Società Patrimonio Svizzero e la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio, l’iniziative delle Alpi, casafair e l’ATA Associazione traffico e ambiente.

Allo stesso tempo, l’associazione ha anche lanciato l’Iniziativa biodiversità.

Copy link
Powered by Social Snap